Cosa significa vendere on line?
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni

Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]

Cosa significa vendere on line?

Non si fraintenda il nostro punto di partenza, vendere on line significa creare uno spazio virtuale che l'azienda usa per proporre i propri prodotti in modo tale da permetterne l'acquisto a distanza da parte degli utenti. Un cliente sceglie il prodotto, lo mette nel carrello, sceglie altro e quando ha finito procede con l'acquisto indicando dove deve essere spedito, se necessita di fattura, sceglie un metodo di pagamento tra quelli proposti e completa la transazione di acquisto. Una mail per confermare l'operazione in genere arriva al cliente e l'azienda inizia la procedura di spedizione, più o meno automatizzata rispetto al tipo di gestione.

Vendere on line...

In realtà il nostro ragionamento vuole essere un attimo più pragmatico e un attimo più concettuale perché a volte abbiamo l'impressione che chi si avvicina alla vendita on line non abbia chiaro cosa significa vendere on line! Un'azienda deve saper proporre quello che tratta, farlo trovare (quindi arrivare al cliente finale) ed essere competitiva (servizi, prezzi, spedizioni).

Il mercato del web di certo non aiuta a fare chiarezza sul vero significato di vendita on line, perché trovare proposte per un sito e-commerce a meno di 1000 euro fa capire quanta confusione ci sia nel settore e quanti improvvisati siano alla ricerca di "polli da spennare" (polli da spennare perché un lavoro da 1000 euro implica qualche ora di impegno con delle piattaforme gratuite e chi spende ha il dovere di informarsi prima di fare scelte che possono solo compromettere l'idea iniziale).

Perché un'azienda vuole vendere on line?

La logica risposta è quella di aspettarsi fatturato nuovo, un'azienda vuole vendere on line per allargare il proprio mercato, quindi accessi al sito da parte di nuovi clienti (altrimenti non avrebbe senso) e "un nuovo negozio" da gestire. Questi presupposti non sembrano essere così chiari però, nella gestione e nell'approccio tanto che ci si avvicina al web con budget irrisori e con un atteggiamento attendista che sembra pretendere risultati senza fare nulla.

  • Aprire un negozio fisico, quanto costa?
  • Perché se si apre una attività fisica si è disposti ad investire diverse decine di migliaia di euro mentre per un sito ci si scandalizza se si deve spendere qualche centinaio di euro per una pagina ottimizzata seo e scritta per essere trovata nei motori di ricerca?
  • Cosa differenzia l'apertura di un sito per vendere da un negozio fisico?

Ecco uno schema confronto tra il negozio e il sito e-commerce, schema che noi si usa spesso con i clienti che vogliono capire cosa significa vendere on line, schema che vuole mettere in evidenza quanto il lavoro on line debba essere visto come un investimento serio e programmato rispetto ad una spesa fine a se stessa (come molti confondono).

  • Il negozio è il sito (attenzione negozio = sito)
  • L'esposizione della merce sono le foto e le descrizioni
  • L'impostazione del negozio è l'impaginazione del sito (aspetto che sempre si sottovaluta)
  • Il commesso che parla e spiega è la comunicazione
  • Il preparare quanto ha comperato il cliente sono le spedizioni
  • I pagamenti sono sempre anticipati come in negozio, compero, pago porto a casa; nel sito pago e ricevo entro un paio di giorni
  • L'affitto del locale sono i costi tecnici del sito
  • La gestione straordinaria e l'arredamento possono essere le grafiche
  • La pubblicità si fa per entrambe le attività
  • Si può avere una gestione differente del magazzino e delle giacenze perché nel sito possono essere virtuali (il ri approvvigionamento può essere fatto in 2 giorni quindi un prodotto non disponibile può essere gestito come disponibile se si ha la certezza di poterlo avere in tempi stretti o sei si connette con il fornitore in drop shipping)
  • In negozio si fa più fatica a comperare sul venduto mentre con il sito si può addirittura acquistare un prodotto sul venduto (strategia da non sottovalutare)

Analizzando con un attimo di obiettività i vari vantaggi della vendita on line, ogni imprenditore che commercializza dei prodotti dovrebbe valutarne l'investimento.

Cosa significa vendere on line?

Vendere on line è prima di tutto un atteggiamento, propositivo e di rispetto verso il cliente che "spende" i suoi soldi (attenzione che i soldi del cliente sono anche il suo tempo per guadagnarli) on line.

Aspetti strategici per vendere on line

Vendere on line è una scelta, quindi quando si parla di cosa significa vendere on line serve avere molta consapevolezza su tutto il meccanismo che deve agevolare il cliente

  • A trovare il sito
  • A vivere un'esperienza positiva di acquisto
  • A tornare e fare altri acquisti

Senza dubbio alla base deve esserci un prodotto o una serie di prodotti curati e competitivi sono tutti i punti di vista ma, non da meno, deve esserci un lavoro costante per tenere il sito aggiornato, per farlo trovare e per essere la miglior soluzione possibile per il cliente che spende.

Ecco cosa intendiamo noi quando si parla di cosa significa vendere on line, preoccuparsi di curare il dettaglio, preoccuparsi di far trovare al cliente la miglior risposta possibile alle sue ricerche.

Normale, poi, che la vendita on line sia anche marketing, presenza nei social, invio di newsletter e gestione di promozioni e offerte ma prima di tutto, ribadiamo, vendere on line significa essere utili al cliente finale.

Ecco il senso del nostro spunto di riflessione, della nostra piccola "provocazione", ecco il senso del parlare di cosa significa vendere on line al di là di tecnicismi e piattaforme, grafiche e slogan. A volte sembra che il mettere on line un sito e-commerce debba essere un qualcosa che si è obbligati a fare perché il mercato quasi lo impone e quindi ci si aspetti di poter dettare regole e avere pretese di successo. Nessuno obbliga nessuno a vendere on line quindi se un'azienda sceglie di farlo deve essere protagonista e deve investire per essere una eccellenza!

  • Parte tecnica veloce e performante
  • Comunicazione curata nel dettaglio per far trovare il sito e per permettere al cliente che spende di trovare ogni informazione
  • Grafica elegante, ricercata, utile alla navigazione
  • Pubblicità per far trovare il sito
Contenuto inserito il: 28/08/2020 11:37:26
Ultimo Aggiornamento della pagina: 30/08/2020 11:53:15
Condividi nelle tue pagine Social


Consulenze e strategie web
Siti vetrina, Blog, Siti e-commerce
Mail marketing, Presenza Social, Strategie SEO

In evidenza

Quanto costa, realmente, investire in un sito e-commerce? Perché ci sono preventivi che partono da 30 mila euro e preventivi da 999 euro?
leggi..
Purtroppo spesso la realizzazione di un sito e-commerce sembra essere banale e per tutti, invece...
leggi..
C'è davvero tanta confusione quando si parla di strategie seo ma il prezzo è un chiaro indicatore
leggi..
Consulenze e strategie web
Solo
Progetti e preventivi personalizzati
yost.technology