Iniziare a vendere on line spendendo poco
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze.

Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca su Informazioni

Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK, ho capito]

Iniziare a vendere on line spendendo poco

Un dovere, iniziare a vendere on line spendendo poco è un dovere oltre che una possibilità.

Un errore da non fare, però, per iniziare a vendere on line spendendo poco è quello di non avere chiaro l'insieme e tenere come unico riferimento il prezzo. Tutto costa, tutto deve essere pagato specialmente in un sito e-commerce in cui gran parte del lavoro è concettuale/strategico.

  • Progetto iniziale
  • Scelta tecnica
  • Contenuti
  • Post messa in rete

Ecco gli step minimi e necessari per vendere on line che un'azienda deve conoscere, capire e saper applicare.

Forse più che iniziare a vendere on line spendendo poco sarebbe corretto parlare di work in progress quindi un punto di partenza con un insieme di migliorie da fare nel tempo, quando serve, se serve. Molti imprenditori si soffermano tanto sulla grafica a discapito di sicurezza e prestazioni (non a caso troppo e-commerce on line sono lenti e macchinosi, troppo lenti e macchinosi) quando invece per iniziare a vendere on line spendendo poco serve aver chiaro l'insieme e procedere alla realizzazione a step.

Si deve partire dal progetto per identificare bene ogni possibilità e dal progetto si definiscono i passaggi successivi della realizzazione toccando argomenti come la pubblicità, la visibilità, la presenza nei social, il marketing, facendo poi chiarezza sui margini che offre il prodotto e sul budget che l'azienda intende nel tempo investire.

Il concetto di iniziare a vendere on line spendendo poco è molto relativo perché in base all'esperienza dell'interlocutore lo spendere poco cambia notevolmente parametri. Chi ha esperienza difficile faccia un sito e-commerce con piattaforme gratuite; chi ha esperienza è consapevole dell'importanza della comunicazione o dell'immagine mentre chi si avvicina al web anche parlare di poche migliaia di euro sembra essere un ostacolo insuperabile.

Cosa differenzia un sito e-commerce da un negozio fisico?

Ecco qualche nostra considerazione

  • Il negozio è il sito (attenzione negozio = sito)
  • L'esposizione della merce sono le foto e le descrizioni
  • L'impostazione del negozio è l'impaginazione del sito (aspetto che sempre si sottovaluta)
  • Il commesso che parla e spiega è la comunicazione
  • Il preparare quanto ha comperato il cliente sono le spedizioni
  • I pagamenti sono sempre anticipati come in negozio, compero, pago porto a casa; nel sito scelgo (metto nel carrello), pago e ricevo entro un paio di giorni
  • L'affitto del locale sono i costi tecnici del sito
  • La gestione straordinaria e l'arredamento possono essere le grafiche
  • La pubblicità si fa per entrambe le attività
  • Si può avere una gestione differente del magazzino e delle giacenze perché nel sito possono essere virtuali (il riassortimento può essere fatto in 2 giorni quindi un prodotto non disponibile può essere gestito come disponibile se si ha la certezza di poterlo avere in tempi stretti o sei si connette con il fornitore in drop shipping)
  • In negozio si fa più fatica a comperare sul venduto mentre con il sito si può addirittura acquistare un prodotto sul venduto (strategia da non sottovalutare)

Visto in questa prospettiva il concetto di iniziare a vendere on line spendendo poco è ancora più relativo quindi il nostro consiglio è quello di capire bene i passaggi di base per essere on line e imparare a quantificarli almeno nel tempo necessario alla loro realizzazione. Avere consapevolezza permette di spendere meglio e dare un valore concreto al concetto di iniziare a vendere on line spendendo poco.

Quanto costa la parte tecnica per fare un sito e-commerce?

Ci sono tante soluzioni nel mercato per fare un sito e-commerce soluzioni gratuite, in licenza o veri e propri servizi. In genere il costo varia da poche centinaia di euro a diverse migliaia e questa differenza si impara a riconoscere nel tempo quando si hanno o meno diservizi.

Un servizio assistito è un servizio e come tale per funzionare deve prevenire il disservizio (si possono sempre essere disservizi, sia chiaro, ma a fare la differenza sono le soluzioni ed il tempo per attuarle).

  • Se si sposa l'idea delle soluzioni gratuite per iniziare a vendere on line spendendo poco si deve essere consapevoli che c'è tanto lavoro da fare per aggiornare la piattaforma, si sceglie di avere un sito lento e poco sicuro.
  • Per iniziare a vendere on line spendendo poco si evita un lavoro personalizzato, inteso proprio tecnicamente su misura perché l'investimento è adatto a chi ha esperienza e a chi ha consapevolezza (una piattaforma su misura per vendere on line ha costi che partono da 35/40 mila euro giusto per dare dei riferimenti concreti).
  • Scegliere il servizio, invece, significa scegliere di iniziare a vendere on line spendendo poco nel medio lungo termine perché il servizio prevede una chiaro prospetto economico nei 3/5 anni.

yost.technology è il nostro servizio tecnico, servizio gestito, sviluppato e controllato da noi tanto da poter sottoscrivere contratti di assistenza certi e definiti nel tempo.

  • Costi chiari
  • Assistenza tecnica sempre compresa nel prezzo
  • Migliorie e sviluppi a consuntivo, prima di spendere
  • Nessun vincolo o penale non concordato nel caso si cambi idea

Siamo stati clienti prima di diventare web agency e come tutti abbiamo cercato modi per iniziare a vendere on line spendendo poco. Abbiamo imparato sulla nostra pelle che per iniziare a vendere on line spendendo poco serve spendere bene, non poco tanto che la nostra esperienza da clienti ci ha spinto ad investire nella formazione e diventare web agency. yost.technology è il servizio che noi, da clienti, avremmo voluto trovare e usare per iniziare.

Costi a partire da 790 euro per mettere on line un sito con tutto quello che serve al sito e il sito non può non avere, per essere professionale. Un vero e proprio punto di partenza con tante opzioni da implementare nel tempo, se serve quando serve.

  • Galleria immagini prodotto
  • Parametri seo avanzati
  • Descrizione prodotto
  • Categorie
  • Codice prodotto
  • Voce carrello
  • Sconti e promozioni
  • Gestione magazzino
  • Acquisto con o senza login

Per iniziare a vendere on line spendendo poco il nostro consiglio è quello di aver chiaro l'insieme, di chiedere e avere confronti da diverse fonti per trovare il miglior approccio strategico commerciale perché se spendere poco può sembrare un obiettivo, si scoprirà nel tempo che farlo rendere è la concreta esigenza.

Contenuto inserito il: 08/01/2021 14:39:46
Ultimo Aggiornamento della pagina: 13/01/2021 12:36:03
Condividi nelle tue pagine Social


Consulenze e strategie web
Siti vetrina, Blog, Siti e-commerce
Mail marketing, Presenza Social, Strategie SEO

In evidenza

Quanto costa, realmente, investire in un sito e-commerce? Perché ci sono preventivi che partono da 30 mila euro e preventivi da 999 euro?
leggi..
Serve un approccio molto analitico per avere risultati, quindi più che facile o difficile, serve capire come ci si avvicina alla vendita on line...
leggi..
È una scelta essere on line, quindi è importante aver chiaro il servizio che l'azienda deve fornire al cliente finale o al target a cui si rivolge...
leggi..
Ecco qualche nostra considerazione su come capire il prezzo di un sito...
leggi..
Consulenze e strategie web
Solo
Progetti e preventivi personalizzati
yost.technology